ARCHIVIO ARTICOLI

Lingua: ITALIANO

Italia - Palermo, 03/11/2008

Economia e felicità

Convegno organizzato dalla Società Siciliana Storia Patria

Lunedì 3 novembre ore 09.00
Piazza S. Domenico 1, Palermo

iconper informazioni

In un momento in cui il crollo delle borse mondiali ci fa capire che è finita un’epoca e  la distribuzione delle risorse tra i protagonisti del mondo non potrà più essere la stessa, perché si sono seduti nuovi entranti al tavolo della distribuzione del PIL mondiale, riflettere sul collegamento tra economia e felicità diventa fondamentale.

Poiché i Paesi ricchi dell’abbondanza di risorse ne hanno fatto spesso uno strumento  per involversi in un destino triste. Basta guardare come sta aumentando l’obesità nei paesi sviluppati, anche tra i giovanissimi. O all’incapacità di gestire lo smaltimento di rifiuti in maniera da non esserne sommersi.
Alla quantità di reddito destinata al finanziamento dell’industria bellica, all’incapacità di limitare le emissioni di gas nocivi. Al bisogno di quantità di energia sempre più abbondante che ha portato alla contrapposizione tra aree ed a guerre conseguenti.
Ed allora forse bisogna pensare ad un diverso modello di sviluppo, che contemporaneamente metta in condizioni i paesi ricchi di mantenere i livelli di benessere acquisiti, consentendo ai nuovi entranti di partecipare alla distribuzione secondo modelli innovativi, poiché quelli già vecchi ed usurati hanno manifestato il loro limite e l’impossibilità di essere estesi a tutti gli oltre sei miliardi di individui che costituiscono la popolazione mondiale.

Image

ARCHIVIO ARTICOLI

Lingua: ITALIANO

Libri, Saggi & Media

Lingua: ITALIANO

Filtro Categorie

© 2008 - 2021 Economia di Comunione (EdC) - Movimento dei Focolari
creative commons Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons . Progetto grafico: Marco Riccardi - edc@marcoriccardi.it