ARCHIVIO ARTICOLI

Lingua: ITALIANO

Italia - Rufina (FI), 27/04/2016

L’Associazione Rufina Che verrà organizza la serata di approfondimento sulla ludopatia:

#Azzardo: non chiamiamolo gioco

Logo Rufina Azzardo27 aprile 2016, ore 21.00
CIAF
Via Guido Rossa 6,
50068 Rufina (FI)

All'incontro, che sarà preceduto alle ore 19.30 da uno Slotmob  presso il bar-gelateria slot-free “Il Galletto”, a Rufina, interverrannoLuigino Bruni, economista promotore della campagna “Slot Mob” che in giro per l’Italia sensibilizza i cittadini alla scelta di frequentare i locali che rinunciano a installare slot perché “Un Bar senza slot ha più spazio per le persone”;

Serena Spinelli, Consigliera Regionale del PD della Toscana, componente della Commissione “Sanità e Politiche Sociali” e Franco Burchietti, Presidente del Ceis di Pistoia, una ONLUS che opera sia in campo sanitario che sociale ed educativo nel settore delle dipendenze, tra cui quella da Gioco d’Azzardo Patologico.

L’evento vuole centrare il dibattito su come nessun territorio viene risparmiato e che il gioco d’azzardo ha assunto dimensioni sempre più rilevanti colpendo in maniera indiscriminata molte persone, ma soprattutto quelle più vulnerabili.

Anche nel nostro territorio dobbiamo accendere i riflettori su questo fenomeno lanciando un messaggio chiaro: basta giustificazioni! – dichiara l’Associazione Rufinacheverrà – La dipendenza dal gioco d’azzardo è una malattia: con questo approfondimento vogliamo offrire elementi di riflessione affinché non si sottovaluti il fenomeno perché ciò vorrebbe dire rovinarci con le nostre stesse mani. La battaglia, per essere efficace, dovrà necessariamente essere accompagnata da politiche locali e percorsi educativi da intraprendere con decisione sul nostro territorio, che ad oggi non è immune! Ormai non c’è più tempo da perdere”.

 

Gli effetti del fenomeno – dicono dall’Associazione – sono ben visibili: dall’isolamento personale a gravi disagi lavorativi, familiari e finanziari. Il gioco d’azzardo è purtroppo alla portata di tutti non solo grazie ad internet e ai social network: proliferano infatti i locali che, alla ricerca di “facili e rapidi” incassi per incrementare le proprie finanze, installano slot machines, salvo poi in casi estremi finire loro stessi vittime delle lobbies che ne gestiscono la distribuzione.

vedi invito

Image

ARCHIVIO ARTICOLI

Lingua: ITALIANO

Libri, Saggi & Media

Lingua: ITALIANO

Filtro Categorie

© 2008 - 2022 Economia di Comunione (EdC) - Movimento dei Focolari
creative commons Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons . Progetto grafico: Marco Riccardi - edc@marcoriccardi.it