ARCHIVIO ARTICOLI

Lingua: ITALIANO

Scuola Popolare a Trecastagni: prime impressioni a caldo

E' stata inaugurata lo scorso 7 marzo la Scuola Popolare di Economia civile e di comunione a Trecastagni (CT): molte aspettative ed entusiasmo, risultati da verificare.

di Flavia Cerino

140307 Trecastagni 03 ridLa soddisfazione degli organizzatori e dei partecipanti era evidente: nella cena che ha fatto seguito al primo appuntamento (ciascuno ha portato qualcosa, proprio per evidenziare l’aspetto della condivisione che caratterizza la scuola) non si finiva più di discutere, di esprimere idee diverse sul metodo, sulla durata, sulla conduzione, sulle idee future che si potrebbero sviluppare.....

Ma siccome le scuole funzionano se i risultati ‘reggono’ nella durata, e non sulle emozioni e sulle idee, occorrerà ancora del tempo per capire se la strada imbroccata è quella giusta. E nulla vieta – in ogni caso – di aggiustare il tiro e rimettere a fuoco l’obiettivo.

Per ora alcuni elementi sono certi. Si sono iscritte oltre trenta persone provenienti da diverse città anche lontane da Trecastagni. Ciascuno è bene intenzionato a 140307 Trecastagni 05 ridcondividere idee, esperienze e tante, tante domande. Le realtà rappresentate sono molto variegate: ci sono cooperatori sociali, imprenditori, professionisti, casalinghe, impiegati pubblici e privati. Numerose coppie, giovani e non, hanno partecipato raccontando soprattutto della gestione economica della famiglia, visto che il primo appuntamento era dedicato ai temi del consumo e del consumismo. Alcuni conoscono bene i temi dell’economia civile e il progetto per un’economia di 140307 Trecastagni 04 ridcomunione, altri sono assolutamente nuovi a questo approccio che è risultato, per fortuna, di grande interesse. I toni usati non sono stati quelli professionali o polemici: nessuno era in cattedra e nessuno in platea, ma tutti si componeva un grande cerchio con la piccola Costanza che silenziosamente passeggiava sotto lo sguardo attento della mamma, ricercatrice universitaria, e del nonno, insegnante di matematica in pensione, entrambi iscritti alla scuola.

Nei prossimi giorni i promotori si ritroveranno per fare il punto della situazione. L’unica certezza è che – in ogni caso – è stato innestato un processo di costruzione di beni relazionali che già hanno il peso di un piccolo ma prezioso capitale da custodire, da alimentare e da presto mettere a frutto per il bene di molti altri.

Vi terremo informati...

Image

ARCHIVIO ARTICOLI

Lingua: ITALIANO

Libri, Saggi & Media

Lingua: ITALIANO

Filtro Categorie

© 2008 - 2021 Economia di Comunione (EdC) - Movimento dei Focolari
creative commons Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons . Progetto grafico: Marco Riccardi - edc@marcoriccardi.it