ARCHIVIO ARTICOLI

Lingua: ITALIANO

“Crearsi il lavoro” si può

Si concretizza a Lecce grazie a Samantha, Paola e Mariangela il sogno dei “Summerini” di Ostuni

di Elena Manigrasso e Samantha Primoceri

Coop_Raggio_sole_01_ridQuei trenta ragazzi che nella prima edizione della Summer School del 2010 erano alla ricerca di un mondo nuovo, fondato sul concetto di pubblica felicità, vedono oggi concretizzarsi i loro sogni attraverso la tenacia e il coraggio di Samantha, Paola e Mariangela. Le tre summerine hanno ottenuto un finanziamento dalla Regione Puglia con un progetto mirante a creare impresa nel Mezzogiorno secondo i canoni della Economia Civile. Avranno ora la possibilità di rendere vive le parole dei docenti della scuola, e potranno fare delle espressioni come dono, gratuità, scambio di beni relazionali un fattore di innovazione economica.

È proprio Samantha Primoceri che ci racconta con entusiasmo il progetto portato avanti con le sue amiche per la messa in opera di un asilo nido: “Con la mia amica Mariangela C. avevamo in comune l’idea di inventarci un lavoro, nonostante entrambe ancora frequentassimo l’Università. Alla base di questa idea, la consapevolezza “della terra bruciata” di posti di lavoro intorno a noi, e allora ci siamo dette, perché non crearcelo un lavoro? Erano venute tante idee, ma nessuna veramente convincente. In estate partecipiamo alla Summer School di Economia Civile ad Ostuni, un’esperienza motivante che ci ha permesso di avere delle idee più chiare e costruttive per il nostro futuro. Facciamo amicizia con tutti, ma è con Paola che mettiamo in cantiere l’idea di fare impresa. Facendo delle indagini sul territorio e visti i nostri studi, capiamo che la carta vincente è aprire un asilo nido. Decidiamo di partecipare ad un bando regionale per ottenere un finanziamento e nel frattempo si unisce Mariangela M., un’altra amica;  ci ritroviamo a scrivere il progetto in un mese, potendo contare sull’aiuto fondamentale di alcune persone che ci hanno donato professionalità e tempo.

A dicembre consegniamo tutto in Regione Puglia, ma senza farci molte illusioni: le domande erano tantissime e si sapeva che per ottenere il finanziamento occorreva una raccomandazione. A Giugno riceviamo la chiamata per il colloquio di prassi, ma anche qui eravamo poco fiduciose del risultato. Ad Ottobre una raccomandata ci comunica che abbiamo ottenuto il finanziamento! Eravamo incredule a tal punto da non riuscire quasi ad essere contente. Entro 60 giorni, però, occorreva provvedere Coop_Raggio_sole_02_ridall’integrazione di alcuni documenti tra cui un  contratto di locazione che abbiamo firmato non so come, visto che il locale era inutilizzato e sfitto per volontà dell’associazione proprietaria da circa 30 anni. Un giorno mentre con Paola preparavamo alcuni documenti, l’architetto ci chiede: “Chi vi ha seguite?” inizialmente non capivo a cosa si riferisse, allora mi ha ripetuto la domanda: “Chi ha seguito la vostra pratica in Regione?” Vi lascio immaginare la sua sorpresa quando abbiamo risposto: “Nessuno!

A Dicembre 2011  è nata ufficialmente la cooperativa sociale “Raggio di sole”, ancora c’è tanto da fare, le difficoltà non mancano e speriamo di riuscire a partire a Settembre con l’asilo. Non nascondo che molto spesso siamo spaventate e il timore che le cose non vadano bene c’è, ma sentiamo che non possiamo restare con le mani in mano a subire gli eventi e che un nostro piccolo contributo possiamo e dobbiamo provare a darlo. Sogni ad occhi aperti? Forse … ma le parole del prof. Luigino Bruni le ho ben vive nella mia testa: la nuova economia deve essere capace di creare una vera e propria Rivoluzione Culturale, capace di incidere nello sviluppo non solo economico ma anche sociale, educativo, sanitario del nostro territorio ionico, fondata cioè su un vero e proprio umanesimo integrale. Scuole di alta formazione nel Sud ve ne sono fin troppe, ma tutte terminano con un attestato di partecipazione. Di progetti concreti da portare avanti, nulla”.

E invece quel nulla sta diventando un numero primo, forse diventerà più di uno, su coraggio … facciamo come Samantha, Mariangela C., Mariangela M. e Paola, passiamoci il messaggio. L’esempio è trascinante. Grazie Samantha e company. Ad maiora semper.

Image

ARCHIVIO ARTICOLI

Lingua: ITALIANO

Libri, Saggi & Media

Lingua: ITALIANO

Filtro Categorie

© 2008 - 2021 Economia di Comunione (EdC) - Movimento dei Focolari
creative commons Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons . Progetto grafico: Marco Riccardi - edc@marcoriccardi.it