ARCHIVIO ARTICOLI

Lingua: ITALIANO

L'economia religiosa ai tempi della crisi

110122_Lamezia01_ridL'economia religiosa ai tempi della crisi

di Antonio Scerbo Iose

pubblicato su Il Lametino n.159 del 29/01/2011

E' ripartita, a Lamezia Terme, la scuola di Economia di Comunione. Dopo la Prolusione, tenuta con successo, lo scorso dicembre, dal prof. Luigino Bruni (professore di economia presso l'Università Milano Bicocca), il corso è giunto al secondo appuntamento. Questa volta il prof. Vittorio Pelligra, dell'Università di Cagliari, ha coinvolto i partecipanti in una interessante lezione-dibattito dal titolo: "L'Economia Civile e di Comunione davanti alle sfide della crisi".

Promotore del Corso, è il Vescovo di Lamezia Terme, Monsignor Luigi Antonio Catanfora che ha tratto ispirazione da quel concetto di "economia civile e di comunione" a cui Papa Benedetto XVI fa riferimento nella Enciclica Caritas in Veritate, inquadrandola nell'ambito del Progetto Amos, che fa parte a sua volta del Progetto Pastorale della diocesi. L'economia di comunione fu lanciata da Chiara Lubich nel maggio del 1991a San Paolo in Brasile allo scopo di costruire e mostrare una società umana nella quale, ad imitazione della prima comunità cristiana di Gerusalemme, nessuno sia indigente.

Oggi a distanza di vent'anni, l'economia di comunione continua a vivere e a crescere, e, tra la sfiducia e la paura, sintomi della crisi economica, potrebbe essere la via giusta per la soluzione dei problemi.

Il prof. Pelligra nella sua lezione, è partito proprio dal concetto di "crisi" riferendosi in particolare alla crisi culturale oggi in atto, come variabile da tenere in considerazione per superare la sfiducia che contraddistingue l'uomo moderno. A suo giudizio, poi, il capitale umano, quello ambientale e quello fisico110122_Lamezia02_rid non bastano per superare la crisi, ma è necessario considerare una quarta variabile, quella relativa al capitale sociale, formato da persone capaci di lavorare insieme per crescere nella fiducia e favorire la condivisione. Solo così, egli ha sottolineato, può affermarsi la "cultura della reciprocità" e superare quelle forme, oggi tanto diffuse, di assistenzialismo le quali, fondate su "relazoini malate", sfociano nella mortificazione della dignità umana.

In uno scenario mondiale confuso e contraddittorio, dove il Nord è allarmato per la crisi ed il Sud non sa neanche questa cos'è, la filantropia non basta; è necessario -sostiene il professore- aggiungere nuove regole al mercato, cambiare le finalità per cui le imprese hanno lavorato fino a questo momento; creare un mercato umanizzato nel quali i soggetti non perseguano solo i propri interessi finalizzati al profitto ma mirino alla gratuità, al dare e ricevere insieme, usando il profitto per ridurre le disuguaglianze e cambiare il contesto. Ci viene in conclusione proposto un modo di ripensare l'economia, secondo una nuova visione dell'uomo che trova nelle relazioni con l'altro la sua fioritura.

Image

ARCHIVIO ARTICOLI

Lingua: ITALIANO

Libri, Saggi & Media

Lingua: ITALIANO

Filtro Categorie

© 2008 - 2021 Economia di Comunione (EdC) - Movimento dei Focolari
creative commons Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons . Progetto grafico: Marco Riccardi - edc@marcoriccardi.it